Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CARABINIERE “Mattarella non è il mio presidente”, la frase choc del carabiniere fa il giro del web

L'arma lo trasferisce. Indaga la Procura

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
29 Gennaio 2024
Cronaca // L'inchiesta //

ROMA – “Cosa ha detto Mattarella?”: era in prima fila Franca Caffa fra i manifestanti Pro Palestina che sabato a Milano hanno tentato di sfilare in corteo e sono stati bloccati in via Padova.

E proprio a uno dei carabinieri in tenuta antisommossa la novantaquattrenne ex consigliera comunale del Prc, fondatrice del comitato inquilini Molise-Calvairate-Ponti, ha posto la domanda, restando spiazzata dalla risposta, come si vede in un video pubblicato da alcuni media.

“Con tutto il rispetto signora, non è il mio presidente” è la risposta del militare che si ricava dai video della giornata.

“Di che Paese è?” domanda allora Caffa, al che il carabiniere replica: “Non l’ho votato, non l’ho scelto io, non lo riconosco”.Il comando generale dell’Arma ha fatto sapere che disporrà l’immediato trasferimento del carabiniere.

L’Arma, che ha informato anche l’autorità giudiziaria ordinaria e quella militare dell’episodio – emerso in un video – disporrà il trasferimento immediato del militare ad un incarico non operativo.

Saranno inoltre tempestivamente adottati – a quanto fa sapere l’Arma – tutti i provvedimenti necessari anche di natura disciplinare.

La Procura di Milano aprirà un fascicolo di indagine sul caso del carabiniere. Dell’episodio è stato informato direttamente il procuratore di Milano Marcello Viola ed è attesa in Procura un’informativa dei carabinieri e dovrà essere analizzato il video.

Poi sarà iscritto il fascicolo a carico del militare. Si può ipotizzare al momento il reato di “offesa all’onore o al prestigio del presidente della Repubblica”, ma i pm dovranno fare valutazioni a seguito dell’informativa.

“Il carabiniere finito nella bufera mediatica per le sue frasi su Mattarella è un maresciallo capo di stanza ad un battaglione. I suoi colleghi lo descrivono come un burlone, che potrebbe aver pronunciato quelle parole con troppa superficialità.

Bisognerà capire se credeva in quello che ha detto oppure se fosse un modo per tagliare corto con i manifestanti”.

Così il Antonio Tarallo, segretario generale dell’Unione sindacale italiana carabinieri (Usic), in merito alla vicenda del carabiniere che sabato scorso durante il sit in pro Palestina, rispondendo ad una manifestante, aveva detto di non riconoscere il presidente Mattarella. “Prendo le distanze da quelle frasi perché ovviamente considero Mattarella il mio presidente della Repubblica – ha aggiunto Tarallo -. L’Arma dei carabinieri fa quindi bene ad andare in fondo ed a verificare tutte le azioni possibili per capire ciò che è effettivamente successo”.
La manifestante: ‘Sconcertata dalle parole del carabiniere’

E’ rimasta “sconcertata” Franca Caffa quando il carabiniere, a cui si era rivolta durante la manifestazione pro Palestina di sabato scorso a Milano, le ha detto che “Mattarella non è il mio presidente”: “Perché si è azzardato a dire così? Anche se non è d’accordo nel modo di Mattarella di fare il presidente, e questo è legittimo, resta il fatto che è il presidente di tutti”, spiega all’ANSA l’ex consigliera comunale del Prc, classe 1929, fondatrice del comitato inquilini Molise-Calvairate-Ponti, che a Sant’Ambrogio ha ricevuto dal comune l’attestato di Civica benemerenza.

In piazza è scesa perché “si tratta di volere politiche giuste”, anche “in coerenza con la tragica vicenda della persecuzione degli ebrei” che ora “non va ripetuta a danno dei palestinesi.

Nel giorno della memoria, siamo coerenti con la memoria: basta persecuzioni”. Per questo assicura che sarà in corteo anche sabato prossimo e per questo il 27 gennaio si è messa in prima fila davanti al cordone delle forze dell’ordine e ha iniziato a parlare con loro.

“Ho stabilito un certo rapporto con loro, di colloquio. Ho pensato che si potesse parlare e provare a ragionare. E credo che abbia funzionato.

Ho persino accarezzato uno di loro”, dice sottolineando che “uno solo” le ha risposto prendendo le distanze dal Capo dello Stato. “Mi dispiace per quell’uomo – conclude senza commentare il suo trasferimento annunciato dall’Arma – Forse il mio modo di propormi per un colloquio aperto gli ha fatto effetto”.

Fonti verificate: ANSA //

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.