GarganoManfredonia
Domenica 19 novembre grande festa sulle Ferrovie del Gargano con l’Associazione Rotaie di Puglia

Parte il treno dei laghi sulle rotaie d’autunno

Nel progetto “Rotaie d’Autunno”, nelle prime settimane di dicembre, sono previste altre due iniziative sui binari delle Ferrovie del Gargano e i loro dettagli saranno resi noti nei prossimi giorni sulla pagina facebook Rotaie di Puglia e Ferrovie del Gargano


Di:

Nell’ambito delle iniziative del bando regionale “InPuglia365 Autunno”, l’Associazione “Rotaie di Puglia” è risultata ammessa a finanziamento con il progetto “Rotaie d’Autunno”, un mix di esperienze sui binari tra i saperi e i sapori di Puglia che si terranno nei mesi di Novembre e Dicembre 2017.

Il progetto “Rotaie d’Autunno”, dopo esser partito dal Salento, percorre un immaginario ponte e arriva dall’altra parte della Puglia, da sud a nord.

Domenica 19 novembre partirà, infatti, dalla stazione di Foggia un treno speciale che condurrà i viaggiatori sul Lago di Varano, bacino costiero che separa il mare Adriatico dalle pendici del Gargano, per effettuare attorno ad esso una speciale escursione.

A bordo di un bellissimo convoglio FLIRT delle Ferrovie del Gargano, si partirà alle 8.45 da Foggia per arrivare alle 10.15 a Cagnano Varano dopo aver fatto una piccola sosta per servizio viaggiatori anche a San Severo e Apricena.

In un’ora e mezzo di viaggio dagli ampi finestrini il territorio muterà; si partirà infatti dalla pianura del Tavoliere per arrivare alle pendici incontaminate del Gargano, iniziando il viaggio ad una velocità di 150 km/h, fino a San Severo, per poi, immettendosi sulla linea per Peschici, ridurla pian piano fino a toccare la lentezza dei 30 km/h lungo un tratto a mezza costa da dove dall’alto sarà dominato il Lago di Varano, che darà cosi anticipo della sua bellezza.

A Cagnano una grance festa accoglierà i visitatori che, poco dopo l’arrivo, faranno una visita guidata nel bellissimo centro storico e al termine di questa, con l’ausilio degli autobus delle Ferrovie del Gargano, raggiungeranno la località “Bagni di Cagnano”, posta in riva al bacino. Da qui “si immergeranno” nel lago di Varano per scoprire le sue caratteristiche e le sue bellezze; saranno visitati infatti il sito archeologico “Pannoni”, un villaggio preistorico, il museo del Lago, la Grotta di San Michele.

Una degustazione di prodotti tipici consentirà di assaporare prodotti tipici locali proposti dall’Associazione dei Cuochi di Gargano e Capitanata. Terminata questa bellissima escursione gli autobus delle Ferrovie del Gargano riaccompagneranno la comitiva in stazione e da qui nuovamente il treno consentirà loro di rientrare ad Apricena, San Severo e Foggia.

I 160 posti messi a disposizione sono andati esauriti in pochi giorni con una massiccia presenza di viaggiatori provenienti dalle province di Bari e BAT, dimostrando la perfetta riuscita dell’esperimento.

Nel progetto “Rotaie d’Autunno”, nelle prime settimane di dicembre, sono previste altre due iniziative sui binari delle Ferrovie del Gargano e i loro dettagli saranno resi noti nei prossimi giorni sulla pagina facebook Rotaie di Puglia e Ferrovie del Gargano.

Rotaie di Puglia e Ferrovie del Gargano hanno iniziato da poche settimane una collaborazione che consentirà nei prossimi mesi di programmare diverse iniziative volte a portare sul Gargano, grazie alla ferrovia, notevoli flussi turistici. «Siamo rimasti colpiti dalla professionalità e dalla voglia di fare mostrata da Ferrovie del Gargano – dice Luigi Mighali, presidente di Rotaie di Puglia –. Non è semplice ad oggi trovare aziende pubbliche cosi virtuose, aperte, disponibili e spinte soprattutto dalla passione e dalla cura verso il viaggiatore; per questo motivo, crediamo che ci sono tutte le basi per fare bene nei prossimi mesi. Non a caso, Ferrovie del Gargano è una tra le migliori aziende di trasporto pubblico del panorama nazionale e ci auguriamo di riuscire qui a mettere in atto quella calendarizzazione delle iniziative che, estremamente utile al turista, non ci è stato consentito di fare altrove. Il turismo esperienziale è oggi forse quello più ricercato dal visitatore, soprattutto quello abbinato ad esperienze slow, e in tale contesto il turismo ferroviario si inserisce alla perfezione. In Italia notevoli passi in avanti il turismo ferroviario li sta compiendo grazie alla Fondazione delle Ferrovie dello Stato, soggetto che trasporta nella provincia italiana quasi 100mila viaggiatori all’anno e vorremmo che la Regione possa incontrare i vertici della Fondazione e delle altre ferrovie pugliesi per programmare tutti assieme un forte club di prodotto turistico utile a far conoscere la Puglia dai Trabucchi di Peschici al Faro di Santa Maria di Leuca, passando per le Murge e la Valle d’Itria, utilizzando la mobilità lenta dei Treni Storici nei paesaggi incontaminati ricamati dalle nostre linee ferrate».

Anche in casa Ferrovie del Gargano si guarda con attenzione a questa nuova formula di turismo sostenibile. «Da anni la nostra azienda – commenta il dott. Vincenzo Scarcia Germano, presidente di FerGargano e vicepresidente con delega al territorio di Confindustria Foggia. – sta elaborando idonee strategie di sviluppo mettendo in rete la mobilità e le offerte del territorio garganico. Siamo più che mai convinti che il trasporto su rotaia possa recitare un ruolo di fondamentale importanza nelle politiche di marketing territoriale. Per questo abbiamo ritenuto interessante la richiesta di collaborazione da parte di “Rotaie di Puglia”. Tre proposte, quelle in itinere, destinate ad avviare una nuova possibilità di destagionalizzare la richiesta su centri anche interni del promontorio garganico».

Parte il treno dei laghi sulle rotaie d’autunno ultima modifica: 2017-11-15T11:24:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Cittadina

    Nutro dei forti dubbi sull ‘ interesse turistico dei luoghi di cui si parla , ma è un mio parere. Piuttosto credo che sarebbe opportuno convogliare tutte le energie disponibili sul miglioramento del trasporto pubblico nella provincia di Foggia , perché la vita del pendolari è davvero difficile in certe zone.


  • RE MANFREDI

    E MANFREDONIA? MA VI SIETE BEVUTI TUTTI IL CERVELLO?
    COME AVETE COSTRUITO UNA STAZIONE (MANFREDONIA OVEST) COSTATA MILIONI DI EURO IN PIU’ STATE SPENDENDO CHISSA QUANTI ALTRE RISORSE PER MANUTENZIONE LINEA FERROVIARIA NEI PRESSI E PROPRIO IN ZONA C’E’ LA BASILICA DI SIPONTO, LA CHIESA IN FERRO FILATO OSANNATA IN TUTTO IL MONDO, GLI IPOGEI..E IL TRENO TURISTICO IGNORA MANFREDONIA?


  • Antonello Scarlatella

    Io la reputo una bellissima iniziativa. Va promossa e coltivata.
    http://www.lerotaie.com
    Guardate cosa stanno facendo in Molise e Abruzzo.
    Basterebbe fare un gemellaggio già sarebbe promozione.


  • Footing man

    Qualche foggiano o dauno la chiama bellissima iniziativa! E si tanto a voi foggiani e affini non frega nulla della porta del Gargano, della perla del Gargano, della più bella cittadina dell’Adriatico!! Manfredonia mia come ti snobbano!! Forse x invidia per tutte le bellezze che puoi sciorinare, per tutta l’opere magnifiche che a partire dal 2000 hanno portato civiltà, progresso, proiettando Manfredonia tra le più realtà turistiche per accoglienza, dotazione di strutture ricettive, spiagge e coste curate e stupende, la max preservazione della natura. Siete accecati dall’invidia x Manfredonia.


  • Antonello Scarlatella

    Footing man…bisogna ragionare in termini di territorio. Foggia, Manfredonia, il Gargano …nella sua diversità artistica ed ambientale…cosi ha vinto il Salento.
    Un gruppo di turisti non si fa 1000 km pe visitare una città ma un territorio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi