Edizione n° 5368

BALLON D'ESSAI

LATINA // Johnson & Johnson investe 580 milioni di euro in Italia
14 Giugno 2024 - ore  17:12

CALEMBOUR

FRANCOFORTE // “Oltre 320 persone da assumere nelle imprese della Bat e altre 1000 su Bari e Foggia”
14 Giugno 2024 - ore  17:21

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Toscani: ‘Ignorare gli heaters, Armine bellezza rivoluzionaria’

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
1 Settembre 2020
Moda // Stato prima //

(ansa) Si chiama Armine Harutyunyan, è nata in Armenia, ha 23 anni ed è una modella non professionista. Sul suo profilo Instagram, dove conta 130 mila follower, si vede ritratta in pose di vita quotidiana, nei suoi viaggi in diverse città italiane, a volte con pose e abiti particolari dai quali emerge la sua vena artistica. Fa l’illustratrice, ma è finita nel mirino dei social per il suo aspetto. Scelta da Gucci per la sfilata del settembre 2019 a Milano per la collezione primavera/estate 2020, è ora vittima di body shaming perché il suo viso non corrisponde ai canoni di bellezza tradizionale. Naso adunco, sopracciglia folte, volto ovale, è stata oggetto di insulti anche sulla scia di una notizia, in realtà non confermata da alcuna fonte, secondo cui sarebbe stata inserita dalla casa di moda tra le centro modelle più sexy del pianeta. Una sua foto è stata ritoccata per farla apparire inequivocabilmente nell’atto di fare il saluto romano, mentre si trattava di una posa scelta per uno scatto davanti alla statua di Giulio Cesare.

From Penso dunque Sono: “Io guardo ogni cosa come se fosse bella e se non lo è vuol dire che devo guardare meglio’ F. Arminio.
Arminio e Armine, fatalmente due nomi simili per riflettere sulla stessa tematica.
Cioè cosa sia la bellezza e chi si possa ergere a giudice. Armine Harutyunyan è una modella armena, figlia di un celebre artista armeno e lei stessa artista digitale, portata in passerella da Gucci, sulla quale ultimamente si è scatenata l’ennesima ondata social di body shame.
Semplicemente dall’utente medio, maschio o femmina che sia, è considerata brutta e dunque inadatta. Un miscuglio esplosivo di cecità selettiva, ideale estetico preconfezionato, mancanza di fantasia, razzismo e misoginia. Ora, se l’utente medio avesse un minino di cultura saprebbe che Alessandro Michele con Gucci sta facendo un colossale lavoro di risignificazione degli stereotipi riguardo al maschile, riguardo alla bellezza e riguardo al concetto stesso di genere. E lo sta facendo attraverso la Moda, perché niente come il costume ha il potere della semiotica, cioè la capacità di cambiare l’immaginario senza passare attraverso la razionalità.
Armine è stata scelta proprio perché ha una bellezza che fuoriesce dai canoni mainstream e nonostante questo è bella. Guardarla ti crea un corto circuito interno per cui una parte di te sente repulsione e un’altra parte prova attrazione. Mentre pensi ‘è brutta’ qualcosa in te pensa ‘oddio, ma è anche bella, che scherzo è questo?’. Ti costringe a farti una domanda rispetto ai canoni sociali e rispetto ai tuoi stessi gusti. Ed è proprio questo il senso.
Uscire dalla scatoletta in cui finora la comunicazione estetica ti ha chiuso. E riprenderti il tuo sguardo autentico, libero, potente. Quello capace di vedere il diverso e trovarlo bello, interessante. Serve curiosità per cogliere la bellezza. Serve il coraggio di esplorare oltre i tuoi confini. Ma ne vale la pena, perché dentro le frontiere magari sei al sicuro, ma ti perdi la bellezza multiforme di un intero mondo. La vita è differenza costante. E se non la cogli come bellezza, sei condannato a vivere in un mondo irrimediabilmente brutto.” Luisa Camatta.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.