Regione-Territorio

Ustica: dopo 30 anni lo Stato dovrà pagare

Di:

Francesco Cossiga (archivio)

Francesco Cossiga (archivio)

Roma – DOPO oltre trent’anni da quel 27 giugno del 1980, lo Stato italiano è chiamato a risarcire i parenti delle 81 vittime della strage di Ustica. Lo ha deciso il tribunale civile di Palermo e più precisamente il giudice Paola Proto Pisani, che ha condannato i ministeri della Difesa e dei Trasporti a un maxi risarcimento di oltre 100 mln euro per i parenti delle 81 vittime (tra cui 11 bambini). La sentenza è arrivata oggi, 12 settembre, dopo un’istruttoria durata 3 anni.

Secondo i legali delle vittime, gli avvocati Daniele Osnato e Alfredo Galasso “il risultato della vicenda processuale rende giustizia per l’ultratrentennale ‘tortura della goccia’ che i parenti delle vittime hanno dovuto subire ogni giorno anche a causa dei numerosi e comprovati depistaggi di alcuni soggetti deviati dello Stato”. Per i legali “la sentenza apre un nuovo percorso per la ricerca della verità”. I legali sono infatti convinti del fatto che fu un missile – probabilmente degli Usa o della Francia – a colpire il DC9 Bologna Palermo Itavia, come d’altronde sostenuto in varie testimonianze nel processo, tra cui quella dell’ex Presidente della Repubblica Cossiga. Gli avvocati auspicano dunque che “chi di dovere avvii ogni opportuna azione nei confronti degli Usa e della Francia affinché sia ammessa finalmente la responsabilità per il grave attentato. Così – dicono – si ridarebbe dignità e onore a tutto il Paese e alle vittime”.

Ustica, strage (fonte image: mediterraneaonline)

Inoltre gli avvocati e i parenti delle vittime si augurano che “dopo la caduta del regime di Gheddafi, l’Italia sia informata del contenuto degli archivi dei servizi segreti libici nei quali si ha ragione di ritenere che siano contenuti ulteriori documentazioni rilevanti sul fatto”.

(Fonte: Rassegna.it – Rassegna.it)



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi