ManfredoniaStato prima
Era malato da tempo

E’ morto l’Arcivescovo Michele Castoro (FOTO)

Fu ordinato vescovo il 14 maggio 2005 da papa Benedetto XVI, consacrato vescovo il 25 giugno 2005 dal cardinale Giovanni Battista Re, elevato arcivescovo il 15 luglio 2009 da papa Benedetto XVI


Di:

E ora i nostri piedi si fermano alla tue porte, Gerusalemme“.

Alle ore 01.50 di questa notte il nostro amato Pastore, il vescovo Michele Castoro è salito al Cielo, per incontrare quel Cristo che su questa terra ha fedelmente amato e servito“. E’ quanto reso noto stamani dall’Arcidiocesi di Manfredonia – Vieste e San Giovanni Rotondo.

Michele Castoro, nato ad Altamura il 14 gennaio 1952, già Vescovo di Oria (2005-2009) è stato Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo (2009-2018) e anche segretario della Conferenza Episcopale Pugliese e membro della Commissione della Conferenza Episcopale Italiana per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso. Era .

Fu ordinato presbitero il 6 agosto 1977 dal vescovo Salvatore Isgrò, vescovo il 14 maggio 2005 da papa Benedetto XVI, consacrato vescovo il 25 giugno 2005 dal cardinale Giovanni Battista Re, elevato arcivescovo il 15 luglio 2009 da papa Benedetto XVI.

L’Arcivescovo Castoro è deceduto stamani, all’età di 66 anni, a Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo. Era malato da tempo. A metà dello scorso aprile erano stati smentiti degli articoli di stampa che avevano comunicato il suo decesso.

Video. L’arrivo del feretro

FOTOGALLERY SAVERIO DE NITTIS

L’Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo
(fonte wikipedia) Il 15 luglio 2009 era stato promosso alla sede arcivescovile di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e nominato direttore generale dell’Associazione internazionale dei gruppi di preghiera di Padre Pio. Ha fatto ingresso nell’arcidiocesi il 19 settembre 2009. Dal 1º gennaio 2010 è stato presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza.

Il 24 settembre 2009 a San Giovanni Rotondo nella cripta inferiore del Santuario di Santa Maria delle Grazie ha chiuso l’ostensione straordinaria delle spoglie di San Pio da Pietrelcina iniziata il 24 aprile 2008 dopo la ricognizione del corpo del santo. Ad agosto 2010 ha annunciato la creazione di una nuova parrocchia a Manfredonia dedicata a San Pio da Pietrelcina che verrà eretta nella zona sud-ovest della città.

Numerosi sono stati gli interventi di restauro grazie al suo impegno nel reperire i fondi e gli sponsor, tra i più importanti nel periodo 2010-2012 ricordiamo l’Icona della Madonna di Siponto patrona di Manfredonia, la statua lignea detta “la Sipontina” e la statua di San Lorenzo Maiorano, opere custodite nella Cattedrale. Tra gli edifici riportati all’originaria bellezza ricordiamo la Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto.

Grazie al suo intervento nel febbraio 2012 l’ordine monastico de “I Ricostruttori” si sono stabiliti nell’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara, attualmente in fase di restauro.

Agli inizi del mese di maggio 2013, con i frati minori cappuccini della provincia religiosa “Sant’Angelo e Padre Pio”, ha annunciato che dal 1º giugno dello stesso anno l’ostensione del corpo di San Pio da Pietrelcina sarà permanente: il corpo resterà nell’intercapedine del plinto centrale della chiesa inferiore del Santuario di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo custodito in un’urna di vetro.

Con decreto dell’11 settembre 2015 ha indetto la sua prima visita pastorale nell’arcidiocesi per il quinquennio 2016-2021.

Documenti magisteriali
“Andate anche voi a Lavorare nella mia vigna” (Mt 20, 7). Lettera pastorale alla Chiesa diocesana sul ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo, Manfredonia, Novembre 2010;
“Sacerdoti dell’uomo, sacerdoti della strada”. Linee pastorali per l’anno 2011/2012 sul ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo, Manfredonia, Settembre 2011;
“Pietre vive per la costruzione del tempio”. Linee pastorali per l’anno 2012/2013 sul ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo, Manfredonia, Settembre 2012;
“Prendete il largo e gettate le reti”. Linee pastorali per l’anno 2013/2014 sul ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo, Manfredonia, Settembre 2013;
“Non ci ardeva forse il cuore?”. Linee pastorali per l’anno 2014/2015 sul ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo, Manfredonia, Settembre 2014;
«Va’ e d’ora in poi non peccare più» (Gv 8, 11). Lettera pastorale alla Chiesa diocesana, Manfredonia, Settembre 2015.
Grande è la mia gioia…. Lettera pastorale alla comunità diocesana per la Visita pastorale 2016-2021, Manfredonia, Marzo 2016.
Il sogno condiviso: cristiani sulla soglia. Linee pastorali per l’anno 2016/2017, Manfredonia, Settembre 2016.
Il Vangelo a tutti. Linee pastorali per l’anno 2017/2018, Manfredonia, Settembre 2017.

Il comunicato della Curia
Quando poi giunge il momento di unirsi all’ora suprema della passione del Signore, la persona consacrata sa che il Padre sta portando ormai a compimento in essa quel misterioso processo di formazione iniziato da tempo. La morte sarà allora attesa e preparata come l’atto supremo d’amore e di consegna di sé” (VC 70).

Oggi 05 maggio 2018 alle ore 01.50 si è spento Mons. Michele CASTORO, Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo – Presidente di Casa Sollievo della Sofferenza – Direttore Generale dei Gruppi di Preghiera “San Pio da Pietrelcina”, assistito dai familiari, dai sacerdoti collaboratori e dai medici e dal “personale paramedico” che in questi mesi lo hanno accompagnato nella difficile e dolorosa malattia che lo ha associato alle sofferenze di Cristo. Affidiamo al Signore misericordioso il nostro caro e amato Vescovo Michele.

Chiediamo alla Comunità diocesana, alla famiglia dei Gruppi di Preghiera di “San Pio” e di Casa Sollievo della Sofferenza e a quanti lo hanno conosciuto, di accompagnare con la preghiera il suo incontro con il Padre ricco di misericordia.

LA CAMERA ARDENTE
La salma del vescovo Michele sarà esposta nella giornata di sabato 05 maggio 2018 presso la Cappella Grande di Casa Sollievo della Sofferenza sino alle ore 12.00 – durante la mattinata ci saranno momenti di preghiera organizzati dai Cappellani e dalle Suore di Casa Sollievo della Sofferenza.

Sabato 05 maggio 2018 la salma del vescovo Michele sarà trasferita a Manfredonia ove sarà esposta nella chiesa Cattedrale dalle ore 16.00 fino al giorno 07 maggio 2018 alle ore 13.00.

I FUNERALI
Alle ore 13.00 del 07 maggio 2018 il feretro verrà portato a San Giovanni Rotondo presso la Chiesa nuova di San Pio da Pietrelcina, ove alle ore 16.00 vi si celebreranno le esequie.

Il cordoglio della Comunità di Vico del Gargano per la morte dell’Arcivescovo Michele Castoro.
VICO DEL GARGANO – “A nome di tutta la Comunità di Vico del Gargano, esprimo il più sentito cordoglio alla Comunità Ecclesiastica, a quella dei fedeli e ai familiari per la perdita dell’Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo Michele Castoro”. E’ Michele Sementino, sindaco di Vico del Gargano, a esprimere con queste parole il dolore della Comunità di Vico del Gargano per la morte di Michele Castoro. “Dal 2009, per molti anni, è stato un punto di riferimento importante”, ha dichiarato Sementino.

Michele Mangano. «Voglio manifestare la partecipazione al lutto che ha colpito la Diocesi di Manfredonia a nome mio personale e dell’intera associazione La Bella Cumpagnie. Di Monsignor Michele Castoro abbiamo tutti apprezzato il suo particolare e rigoroso impegno nella direzione della diocesi di Manfredonia San Giovanni Rotondo – Mattinata – Monte Sant’Angelo. «Monsignor Michele Castoro è stato un uomo del grande dialogo e di apertura anche verso le altre culture che hanno sempre guardato il Gargano come simbolo di impegno nella lotta pacifista. A tutta la comunità cattolica e alla Diocesi rinnovo la mia partecipazione al lutto che li ha colpiti».

E’ morto l’Arcivescovo Michele Castoro (FOTO) ultima modifica: 2018-05-05T07:42:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Raffaele Vairo

    Esprimo il più profondo cordoglio per la morte di mons. Michele Castoro.
    Ho avuto modo di apprezzare la sua amabilità, la sua benevolenza e pacatezza.
    Adesso che è tornato alla casa del Padre, Eccellenza continui a pregare per noi, per Manfredonia, la sua Diocesi e per il mondo intero.


  • PASQUALE D'ANGELO

    SENTITE E SINCERE CONDOGLIANZE PER LA PRECOCE DIPARTITA DEL NS. PASTORE MONS. MICHELE CASTORO, CON LE SUE PAROLE HA PORTATO SEMPRE SOLLIEVO E SPERANZA AI MALATI E A PIÙ BISOGNOSI ANCHE DURANTE LA SUA MALATTIA, CI MANCHERÀ TANTISSIMO.


  • Redazione

    MORTE MONS. CASTORO PERDITA PER TUTTA LA PUGLIA

    Bari, 5 mag. – La morte di mons. Michele Castoro rappresenta una grave perdita per il Gargano e per una Chiesa in continuo dialogo per la tutela e la valorizzazione del territorio.
    La sua opera pastorale, governata sempre dalla moderazione nel linguaggio e dal fuggire ogni eccesso, ha rappresentato un riferimento per quanti si muovevano nella ricerca di una dimensione spirituale che è il biglietto da visita del promontorio garganico.
    Ho avuto modo di apprezzare la sua opera e di confrontarmi con lui su vari temi che riguardavano il nostro territorio. È stato sempre un interlocutore attento, disponibile, puntuale nelle osservazioni e nelle soluzioni. Il suo modo discreto facilitava il dialogo e aumentava le opportunità di un confronto sereno, pacato, costruttivo.
    La sua morte è un lutto che coinvolge tutti noi e che rende più povero il Gargano e la stessa Puglia, visto che mons. Castoro, arrivato sul Promontorio dalle alture murgiane, aveva saputo interpretare a meglio il suo sentimento di pugliese che mette la sua opera al servizio del progresso della Puglia.


  • Redazione

    Sono il mare delle conchiglie, sono il sangue nelle corsie, sono il cuore
    tra le miserie, sono la polvere tra le palpebre, la cenere nelle arterie,il
    moribondo in Ospedale. Sono il vento nella caligine, la visione dalle
    vetrate, verso il punto della mia luce,che mi ha visto crescere
    fanciullo,sono il piede del Trabucco,il tintinnio nelle bacinelle,
    l’inalazione nasale ,sono quello che non guardo,da quando ho visto chiudere
    l’immagine alle mie spalle…ed era un angelo.

    (a cura di Claudio Castriotta, Manfredonia)


  • Redazione

    “Non dimenticheremo l’amore caritatevole di padre accogliente e premuroso
    verso i figli sofferenti”, così l’associazione di promozione sociale
    “JobAction”, nella persona del presidente Sandro Marasco esprime profondo
    dolore per la scomparsa di mons. Michele Castoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This