Manfredonia
L'opera d'arte cui si è ispirato Lettl è una parodia della "Lupa Capitolina" e ricorda Siponto, la "Città nel Golfo"

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “Nascita di una nazione marinara”

L'opera è 'Nascita di una nazione marinara', 1977


Di:

Il doodle odierno è un omaggio a Manfredonia - "Nascita di una nazione marinara, 1977 (cm 34x76,5)" - All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Il doodle odierno è un omaggio a Manfredonia – “Nascita di una nazione marinara, 1977 (cm 34×76,5)” – All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Manfredonia, 26 agosto 2017. ATTRAVERSO la pubblicazione di testi, fotogallery, interviste e “doodle” – versioni speciali del logo della nostra testata, su un’idea di Florian Lettl -, StatoQuotidiano.it sostiene la mostra “Wolfgang Lettl – Manfredonia, la mia amata“, visitabile gratuitamente dal 4 Agosto 2017 al 3 Settembre 2017 a Manfredonia, presso le “Ex Fabbriche di San Francesco” in via San Francesco.

Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia.
All rights reserved – © Wolfgang Lettl

—-
Il doodle di oggi è un omaggio a Manfredonia e alla vecchia Siponto. Il popolo del golfo allevato da un pesce.

L’opera d’arte cui si ispira, infatti, è una parodia della “Lupa Capitolina” e, contemporaneamente, ricorda Siponto, la “Città nel Golfo”.

"Lupa capitolina" - in allegato al testo

“Lupa capitolina” – in allegato al testo

Si intitola “Nascita di una nazione marinara“, ed è datata 1977 (cm 34×76,5) (vedi in copertina,ndr)

Sulla spiaggia si trovano conchiglie, lo scheletro di una barca e resti dell’antica Siponto; a sud, lungo il lato destro, si vedono i piedi degli Appennini. In contrasto con quelli che potrebbero essere interpretati come simboli di precarietà dell’esistenza – le conchiglie, i resti archeologici e quelli dell’imbarcazione protagonista dell’opera, in primo piano, è la raffigurazione di due gemelli allattati da un pesce che Wolfgang Lettl, volutamente, dipinge come un bambino e una bambina. Nella metà sinistra del quadro si nota, inoltre, la presenza di un uomo che va a fare una passeggiata con la sua capra sulla spiaggia.

Il doodle di oggi è un omaggio a Manfredonia e alla vecchia Siponto. Il popolo del golfo allevato da un pesce - Il doodle odierno è un'omaggio a Manfredonia - "Nascita di una nazione marinara, 1977 (cm 34x76,5)" - All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Il doodle di oggi è un omaggio a Manfredonia e alla vecchia Siponto. Il popolo del golfo allevato da un pesce – “Nascita di una nazione marinara, 1977 (cm 34×76,5)” – All rights reserved – © Wolfgang Lettl


Se si volesse rimanere nel riferimento al mito si potrebbe pensare alla capra Amaltea, che allattò Zeus sul monte Ida a Creta. Secondo la leggenda, una volta cresciuto e divenuto il re dell’Olimpo, Zeus, per ringraziarla, avrebbe dato alle sue corna un potere: ottenere tutto ciò che il suo possessore desiderava. E’ da questo mito che nacque la leggenda del “corno dell’abbondanza”, o cornu copiae (cornucopia). Un’interpretazione di questo tipo sarebbe eloquente in relazione al territorio garganico e alle sue ricchezze, nonché al soggetto principale dell’opera, il pesce che allatta i due bambini, novelli Romolo e Rema sipontini.

redazione statoquotidiano.it

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “Nascita di una nazione marinara” ultima modifica: 2017-08-26T11:45:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi